Alla conquista del Texas.

01

Sono partita almeno dieci volte per il mio viaggio immaginario nel Texas. Il mio io onirico infatti sa come mettere l’acqua nel radiatore, sa cos’è un radiatore, maneggia l’ingegneria e le mappe alla stessa strepitosa maniera. Sulla mia macchina me ne vado da un’area calda e isolata a un ranch, cavalco a pelo e non parlo, ho gambe lunghe e affusolate che mi permettono l’utilizzo di jeans e maglietta bianca (tshirt) senza pancera del dottor Gibaut e reggiseno Lady Costretta. Il mio io onirico ha anche provveduto a liberarmi da tutta la peluria scura, difatti ho accenti biondo-Sheryl Crow dovunque, forse anche sui baffi. A notte, lunga nera e di stelle piccine, mi stringo nel mio poncho, guardo il cielo e constato con grandissima soddisfazione di non avere un telefonino nè qualcuno con cui parlare. Ah.