Juanita de Paola

Juanita de Paola sono io

Quello che fanno gli altri

Nessuno di noi fa un lavoro normale. Non ci sono orari per l’Inglese, ma favorisce il lasso di tempo fra le due del pomeriggio e le quattro della mattina. Dopo le dieci di sera è proibito rivolgersi la parola e viviamo in silenzio, uno accanto all’altro, come due tartarughe in un rettilario.

More

Tutti fuorché me

Non lo dico a nessuno, ma rimango finchè non vedo la piccola in classe, con la porta chiusa. Mi metto dall’altra parte dell’edificio, appiccicata alla classe parallela che rimane aperta, perchè le sue finestre sono chiuse, protette – sono così piccoli.

More

Mangiate dunque animali insoliti

La ragione per cui quasi nessuna donna diventa chef de cuisine è che per eccellere in cucina occorre cucinare per soddisfare un intimo e intenso colloquio con se stessi. Le donne invece han sempre cucinato per altri e per motivi altri da quel bisogno dirompente che è far cantare la propria ispirazione. (Consuelo Cecconi).

More

Io, il Libanese e Il Tricheco

Siamo io, il Libanese e Il Tricheco. E’ passata una settimana e basta, sembrano mesi, che se ne sono andate le signorine alte due metri, e con loro sono partiti anche i denti finti, i reggiseni imbottiti, le scoregge tonanti nel mezzo dei pasti – una era capitano di nave mercantile, una ingegnere e presentatore […]

More

Uomini

Mi sento un motore, ecco cosa sono, un due fasi senza limite orario. Una pietra della fortuna. Una macchina che si produce la benzina e gode mentre va a giro, perchè ci sono proprio dei panorami grandiosi tutto attorno e portare la gente è meglio che stare in garage.

More

Mortadellology

Il bambino con l’occhio bilurchio è cresciuto, non è più sottopeso e i suoi genitori gli fanno dire un sacco di cose: nelle fotografie in cui sembra infelice, quando li incontri a giro e la mamma fa le vocine interagendo con gli adulti, nelle magliettine con le scritte – Big Boy. No, you are actually […]

More

Portafogli aperto bocca chiusa

Diventare genitori significa avere voglia di chiudere la porta, uscire, ubriacarsi a morte, mandare a fanculo il commercialista (non le mie, angeli divini), svegliarsi in un letto sconosciuto di una citta’ latino americana mentre invece si esce, si’, per andare a fare la spesa: c’è il pollo al tre per due.

More