Che giornata.

Juanita de Paola Tommaso Sturlini

Tu-du. Tu-du. Basso. Forte. Che rimbomba nel ventre, fa vibrare deretano e piedi. Sei entrato nel mio orto e ti si fregato tutti i pomodori, dopo avermi insegnato a coltivarli dolci. Hai chiuso il pozzo, dopo avermi aiutato a scavarlo. Hai lasciato la seggiola a dondolo con i cuscini coperti dai peli di cane e ti sei andato a infilare in una casa con i divani bianchi, stolto che non sei altro; l’unica spiegazione è che tu ti sia momentaneamente messo il cervello dove credo io, e che la nuova (im)posizione ti impedisca di aprire gli occhi – o meglio, li puoi anche tenere spalancati, solo che hai la testa coperta con un cappuccio, come le galline.

Senti, il fatto è questo: io ti voglio bene. L’altro fatto è che non hai mai avuto il senso dell’umorismo, quindi adesso troverai difficile districarti da codesta situazione senza farne una tragedia, al tuo solito: ma cosa devo fare con te? Ma non capisci che queste sono arie di primavera, dai la colpa al vento caldo che ti ha confuso, lo sai che a Maggio ti viene sempre la piangolina; oppure dai la colpa alla dieta, che ne so, te lo dicevo che gli uomini dovrebbero prendere dieci chili all’anno per rimanere stabili, e te che fai, ti vai a perdere l’appetito? E il cinghiale con le bacche dove lo hai messo? E la gioia unica di un talamo insopportabile? Dove la troverai ora l’energia di divertirti se tutto ti parla di divertimento? Dico io, ma sei impazzito? Tradirmi con una più giovane e più bella, ma sei diventato completamente imbecille?

Piglia il bastone da pastore e torna a casa pazzo, non per me che ho compagnia e allegra, ma per te, che stai invecchiando a vista d’occhio. Torna ché le pecore sono dimagrite, i pascoli sono diventati brulli, mentre tu ti sei vestito di ciclamino. Via, dai, chè vestito così da giovine pari finocchio.

Bibliografia: On & On, 3:46, Erykah Badu, Baduizm; Badman’s Song, 8:33, Tears For Fears, The Seeds Of Love; Love For Sale, 3:46, Diane Reeves, I Remember.

2 Comments

Lascia un commento