Dal pediatra.

juanita

Quando i bambini diventano un pò più grandi, si va dal pediatra con cadenze meno convulse, ovvero meno di quattro volte al giorno. Quindi un pò ci si dimentica come sia un numero imprecisato di donne con i loro piccoli in una situazione gravissima, anzi, terribile, come può essere una cacchina verde marcio o una tosse grassa. Oggi, tuttavia, ero lì.

Al contrario di quello che si pensa, le giovani mamme non sono grasse. Solo io lo ero. Oggi allattavano con tacchi e jeans sigaretta, una addirittura aveva la maglietta sopra l’ombelico e una tartaruga di addominali – non faceva testo, era russa, e loro hanno un gene e mezzo in più. C’era una sola mamma italiana, e probabilmente erano quindici anni che non mangiava, giacchè era bionda ed indossava vestiti taglia zero dodici.

Più di tutto è la voce che le mamme fanno ai loro figli piccoli che invoglia il resto dell’umanità all’allacciamento delle tube: un tono luciferino per chiedere la vuoi la merendinina con la bicocchina? I piccoli hanno già difficoltà a passare dal linguaggio delle scimmie a quello degli umani, e oltretutto vengono sviati da parole che non esistono, ovvero, peggio, che esistono solo in casa loro: un primo passo vero l’incomunicabilità e l’emarginazione.

Prima dell’ingresso nella sala dell’Uomo che Salva gli sguardi sono tesi, d’altronde c’è da rispondere a quesiti pazzeschi, come: sarà più intelligente della media? Avrà il fisico come Carla Bruni? Sei sport a settimana saranno troppo pochi? Le piante dei piedi si incurvano prima se la vesto Armany Baby? Dentro il tempo sembra non passare mai, invece: come il Guaritore avvicina uno dei suoi macchinari all’orecchio del bambino, la mamma contrae nausea immediata; quando gli ascolta il respiro lei pensa al libro cuore, alla tisi; se Egli guarda i piedini della creatura e prova a raddrizzarli lei ha i crampi, e dentro di sè prefigura un futuro da storpio, ai lati della strada, on un carillon e una scimmia.

Appena fuori tutto si distende, e le mamme si prolungano in saluti affettuosi: arrivederci, tutto bene, grazie, è il vostro turno, forza, andrà tutto bene. Sembra la sede della CNN. I bambini, invece, sgranocchiano la caramellina al gusto di cane bagnato che i pediatri tengono sul tavolino come premio per la visita, ma che i piccini sembrano apprezzare molto. Tutto a posto, purchè stiano due minuti zitti.

7 Comments

  1. Virginia pool table assembly

    One more thing. I do believe that there are a lot of travel insurance websites of trustworthy companies than enable you to enter your vacation details and obtain you the prices. You can also purchase your international travel insurance policy on the net by using the credit card. Everything you need to do would be to enter all travel particulars and you can see the plans side-by-side. Merely find the system that suits your financial budget and needs and then use your credit card to buy the idea. Travel insurance on the internet is a good way to begin looking for a trustworthy company for international travel insurance. Thanks for giving your ideas.

  2. John Deere Repair Manuals

    I am curious to find out what blog system you have been using? I’m experiencing some minor security issues with my latest website and I’d like to find something more safe. Do you have any suggestions?

  3. check this link right here now

    I just want to mention I am just new to weblog and really loved you’re web blog. Likely I’m want to bookmark your blog post . You really come with awesome article content. Many thanks for revealing your website.

  4. ig

    Hi I am so glad I found your weblog, I really found you by
    error, while I was searching on Askjeeve for something else,
    Anyhow I am here now and would just like to say thank you for a
    marvelous post and a all round entertaining blog (I also love the
    theme/design), I don’t have time to go through it all at the minute but I have saved it and also added
    your RSS feeds, so when I have time I will be back to
    read much more, Please do keep up the excellent b.

  5. Novella

    Lavorando in pediatria sono affezionatissima ai cataclismi familiari, al ginocchio sbucciato che piomberà come una sciagura sul nostro sistema solare, alla squadra di parenti che trascina il piccolo via da Gardaland perché “ha le cacchine al naso, corriamo in ospedale per fargliele togliere!”.
    Ma la più grande verità l’ho sentita da quel fantastico, cinico uomo che un giorno mi spiegò che “Il paziente migliore è sempre quello orfano”

Comments are closed.