Non riesco.

Non riesco a leggere tutto l’articolo chiamato “congo, l’inferno nel nostro corpo” di io donna. Actually, arrivo alla sesta riga, mi viene da piangere, e smetto. C’e’ chi nasce di qua, e chi nasce di la’. Qui, privilegio e un po’ di crisi, la’ nulla, accidenti, nulla di nulla, a parte la dignita’ di chi trova pensieri nel mezzo del nulla. E le donne, sfasciate, usate, violate come sistematico veicolo di vergogna ergo potere. E le bambine. Per qualche motivo, dopo avere avuto una piccola figlia, non riesco piu’ a leggere queste cose. Cosa sono, quindi, uno di quei miliardi di loschi figuri che non fanno nulla per cambiare il mondo? Pare di si’.