Categorie
Juanita de Paola

Meglio il tramonto o l’alba?

Respira forte, è l’odore della notte estiva. Seppellitti di pioggia aspettiamo il sole come se cambiasse qualcosa, e si gira di più per guadagnare tempo al tempo. I miei castelli di sabbia hanno fondamenta di cemento armato con le licenze, io ho responsabilità, ho libertà, ho amore. Guardami, non ti sembra che i miei trentatrè anni siano ancora pochi, certi minuti? Guardami bene, il fluttuare delle benzine e del grano mi lasciano intatta, ho costruito il mio mondo attorno a quello che non cambia, e qualche volta il mio albero mi dà frutti non solo buoni ma anche belli. Guardami, porca miseria, ho ricominciato a fumare, ad attardarmi, ad essere inquieta. Verrà il giorno in cui riposarsi, ma non ancora.

Categorie
Juanita de Paola

I’m a geek

I am a geek, i can sort a wlan in minutes and i am one of those few italians that can obtain a lot from computers, printers and electricity in one day. I love mac, eventhought the roundness of their genious templates lately makes me sick: i hate pretty-girly-things.

Categorie
Juanita de Paola

Music, make the people, come together

Here’s the joy of my day, the soundtrack of my life, the book of my emotions: music. I am listening to Scott Matthews continuously now, and Edith Piaf. My playlist is so important that i decided to have back up copies made every month, to be sure that wherever i go i have a cd with me and force it to those kind hosts that can handle me for some hours. I find last Chaka Khan’s album a gift of God, and singing it in my studio gives me goose bumps. I have an LP reader again, i buy LPs and collect them like i have to die tomorrow.

Categorie
Juanita de Paola

Go east

Having spent the major part of my life trying to understand and kick the west market, i find myself now more and more attracted to the east and, like a child who watches a falling star blaming it on the magic, i am approaching the eastern side of the world with a few ideas and knowledge; mrs Irina Varfolomejeva, stunningly beautiful and intelligent, is my tutor right now, and i am completely fashinated by her memories, her taste and her approach to things. On the other hand, Dott.ssa Bartolini (Carlotta, for her friends) has brought order and morality in my life with her example and enthusiasm. I am living a happy period of my life, where women around me inspire my day and push me to be better. I love women, and they generally love me.

Categorie
Juanita de Paola

On the money side

I am on the commercial side of properties: i rent them, i consult for people selling and buying them, i have even approached Philippe Stark’s YOO project some weeks ago with no results – my investor wasn’t that big of an investor i’d say. I know the property market quite well and i know what works but, most of all, i know what will work in few years, and this comes from the extraordinary amount of readings i dedicate time to during the year. It also has roots in my first job, lolly-pop runner as tour escort in Tuscany and consultant to promote agriturismo (farmhouses) through new technologies, where i have seen two thirds of these incoming activities/properties fail miserably under their inadequate standards of aesthetics and services. Art & Architecture became naturally my daily inspiration and certainly the future of my job: i have now quite a number of villas and castles where temporary collection of arts are put for a week, maximum two, for the joy of the guests. Enjoying a timeless painting in the sumptuous corridor of the castle you have rented for few days, being able to dedicate all the time you want to it, absorbing the message of his/her author with no people around, knowing that you might as well get your morning smoothy brought to you right there, this is luxury. I like properties with a well defined soul, i admire the work of architects with the same religious respect i have for my Country, the land of beauty, the refugium of a lot of brilliant minds i happened to meet during my life. It will take at least ten more years before i am able to express any opinion about the art collections i actually show, it is a very difficoult skill to acquire and i have never believed in the emotional side of the judgement. I am an enthusiastic ignorant, who studies on saturday and sunday, when possible, when my baby girl Cecilia doesn’t involve me in Teletubbies hard core sessions in her bedroom: she’s my inspiration, my motor, the reason i feel invincible like never before.

Categorie
Juanita de Paola

Look who’s coming

I have confirmed the presence of mr. Bryan to Rose or Claire, on the telephone british people all sound the same to me – either drunk if it’s a man or nuts if it’s a woman. I have made sure his companion would be well written on the guest list. I have answered politly to everybody, i have thought that if it was me, i would have appreciated a seated dinner rather than a buffet (must be the terribly sounding name). This hasn’t stopped Paris, her sister and her parents, to show up. Such a shame Mary was already flying to Swiss: she would have liked it. After sending the press release to everybody i have switched off my computer, cleaned all desks and walked home for two kilometers. I am short of petty cash this week so i am not taking cabs. At home i have burnt an other pot, declined at least twenty invitations, watched the video of hi-ho seven dwarfs’ song with my daughter Cecilia on YouTube, gone to bed at 9.38. I live in a small town in Tuscany, i have accomplished a lot and spent too much lately, i am a sti-on-the-couch-at-party person and jeans won’t simply make me look right. My name’s Juanita de Paola, i’m thirtythree, born Capricorn, i play a little guitar and some piano, i was educated like a smart man, and when i will be sixty i will grow my own vegetables.

Categorie
Juanita de Paola

Listening to

  1. Sweedeedee – Cat Power
  2. Baby I Love You – Prince & Chacka Khan
  3. Sweet Scented Figure – Scott Matthews
  4. Cocaine Eyes – Neil Young
  5. Walking After You (acoustic) – Foo Fighters
  6. You Love The Thunder – Jackson Browne
  7. Night Ride Home – Joni Mitchell
  8. The Rain Song – Led Zeppelin
  9. I Hear Your Name – Incognito
  10. Summertime – Mica Paris Version
Categorie
Juanita de Paola

Donne brutte invecchiano con grazia.

La gente ha smesso di essere elegante nel mio paesino. Tacchi troppo larghi, occhiali troppo grandi, pance scoperte solo perchè piatte. Noi donne brutte si invecchia meglio, la pancia non l’abbiamo mai scoperta, quindi ora se ne può godere. Le gambotte si sfinano con l’età, e quelle che come me hanno la faccia tonda cominciano a vedrsela definire come per incanto: è il tempo aureo, il passaggio dalla donna alla donna matura, il momento più bello che prelude alla caduta delle carni. I miei seni cominciano a guardare verso il basso, certo, ma le mie dita sono decisamente più eleganti. Oggi, con la collana dell’800 e le scarpine da donna, ero giusta, stavo bene dove ero. Sono compiaciuta Filodemo dell’età che avanza. Mi sono accorta di essere invecchiata da quando ho imparato a dire Grazie ai complimenti che ricevo, sai?

Categorie
Juanita de Paola

Nubifragio

Ce l’ho fatta: siamo salvi per adesso. Il nubifragio ci aveva portato lontani, e quella belva nascosta nella cambusa non ci ha certo aiutato. Sembra l’ultimo dei problemi, ma non poterci bere un cicchetto serale ha di molto rattristato gli animi di tutta la ciurma: era finita l’elettricità, la roba da mangiare e quella da bere, la forza e la speranza. Ma ce l’abbiamo fatta. Terra! Abbiamo urlato. Non era vero, era un istmaccio, non c’era niente, ma gli elicotteri argento della Squadra Speciale sono arrivati, ci hanno trovato dopo poche ore. Ho subito chiesto un macchiato caldo allungato con acqua tiepida. Mi è rimasta una fame atavica, bestiale, e ho capito che non si può fare nulla contro il ginocchio valgo se non abbinarci stivali dall’entratura larga.

Categorie
Juanita de Paola

Sentita sul pulmann della Copit

Lapo suona il flauto. Col ciuffo.

Commenti :


Nome: Vivalafrancia
Commento: Ne conosco tanti. Pochi per pigliarlo in culo pieni di speedball fanno scendere le azioni di un colosso di 3 punti. E’ tutta l� la differenza. E la sua sfortuna.
Data: 18/10/2005 Ora: 20.50.54


Nome: conohombre
Commento: non capisco tutta questa gente che si meraviglia…per cosa?? dai chi di voi non conosce un 28enne che pippa cocaina…che si fa vedere con una bionda…che gli piace pigliarlo in culo…che aveva un nonno che per anni � stato l’uomo pi� potente d’italia…insieme a Cuccia…che gira con l’utilitaria in citt� che costa meno va e poi trovalo il parcheggio quando hai fretta…guardatevi in torno…e attenti che potrebbe girarvi la testa…scusate ma ho fretta ho perso tempo a parcheggiare la volvo familiare…lapo vai a cuccia a cuccia ho detto…e lascia stare la farina che sto facendo l’impasto per la pizza….Martiiina togli una bionda dal frigo!!!
Data: 18/10/2005 Ora: 19.37.34
Categorie
Juanita de Paola

Pilade Gianni, detto il Morino.

Pilade Gianni (detto il Morino) mi guarda qui accanto al desktop da due anni. Ho realizzato che ho attaccato al muro la foto di un’illustrazione di un libro che non so più nemmeno in quale luogo sia. Io c’ho Pilade. E non so neanche chi è o perchè due anni fa ho fatto una foto alla pagina in questione. Pilade Gianni, detto il Morino. Suona benissimo.

Categorie
Juanita de Paola

Pecorino.

Pecorino muffito, pecorino di fossa, pecorino col miele, percorino con le pere, pecorino colla marmellata, pecorino di buccia, mangi anche quella, a tempo perso. Pecorino come odore per addetti ai lavori, non gradevole. Pecorino, noi siamo del partito del pecorino. Il pecorino a pasta tenera necessita di almeno 20 giorni di stagionatura, quello a pasta semidura di almeno 4 mesi. Io necessito di almeno trentanni per capire che il formaggio non é un cibo ma un partito. Mai fidarsi di chi non mangia i formaggi.

Categorie
Juanita de Paola

Ed eccomi qui, oltraggiosamente felice, stasera.

Ho scritto la mia prima canzone mentre aspettavo che il mio amore tornasse dall’ippodromo: portava le quote di picchetto in picchetto. Mi è rimasta un pò di rabbia, forse vuole dire che mi é rimasto un pò di amore in fondo. Io ho perso, capito, quindi dovrei dimostrare che il mio presente ha rimpiazzato il mio passato, e invece sono boiate, gli amori veri, anche quelli che finiscono in niente, anche quelli infantili, vanno trattati con guanti perchè non finiscono mai, e io così procedo.

Ma Federico, quando passi, stasera per cortesia sappi che io sono in odore di gita delle superiori: ho quella gioia di chi parte per Monaco o Ferrara, ma chi se ne frega di dove si va, tanto in pulmann si sta negli ultimi sedili e si canta. Io parto, con un biglietto ridotto pagato dai miei genitori, con le cassette degli America, quelle che piacevano al Foggi prima che si bruciasse il cervello con le pasticche, con la gioia degli occhi pelosi del Tumanti che é morto in moto, con la spocchia dei dannunzio della sezione b, la tradizionale, del Classico Forteguerri di Pistoia.

E eccomi qui, oltraggiosamente felice, stasera.

Categorie
Juanita de Paola

Bohemian chic

Vellano sarà anche bella alle sei la mattina, si d’accordo che é tutto azzurro, si va bene il verde risalta come macchia di pesto su camicia di lino, si va bene tutto, ma a me la mattina alle sei m’ha sempre fatto onco. E’ proprio l’orario: le sei. Le sei che? Sei pieno di cispe, di sonno, gira tutto, anche quello che non deve. Scicchissima, con la borsa dell’esselunga con dentro una matassa di vestiti e un par di scarpe, proprio il par di scarpe che la mamma ti dice “ma pigliati un par di scarpe”, quello, da mercatone della calzatura. Pettinatura a schiaffo, occhio con sguardo vitreo, trousse rigida (il biuti) che sbatacchia contro le borsette borchiate sbombate dorate di questa masnada di amazzoni: ma chi sono, ma dove vanno queste bambine vestite come la ventura e alte due metri alle sei e mezzo della mattina? L’occhiale rotto sulla fascia alta, con lente caduca come la mia voglia di lavorare oggi, e i jeans con la macchia di cucinato di ieri sera fa il resto: sono il nuovo dondolino, il barbone di Pescia.

Categorie
Juanita de Paola

Like Quasimodo.

Quattordici ore al giorno ricurva sul computer hanno fatto di me una piccola Quasimodo; dondolo con la stessa bravura campane e testa, con l’espressione viva dei magneti da frigo. Le duecento sigarette che fumo ogni dì mi hanno donato l’incarnato di Biancaneve dopo una gang bang coi nani. Mi preparo alla conferenza di domani concentrata sull’incipit. Pensavo a qualcosa del tipo “Allora c’é Pierino”. Oppure “C’è un italiano, un inglese, un francese e un tedesco..”.

Categorie
Juanita de Paola

Se rinasco, rinasco qui.

Allora c’e’ Turbine (che e’ ritardato), che va con la moglie di Baffo (perche’ pelato), dice lui la lascia qui perche’ va a fare le piante, e Turbine gliela pigia perbenino. La moglie (la muratrice), effettivamente, ha un’aria piu’ serena da un certo tempo a questa parte, con buona parte di Baffo, che fa il ganzo ma ha piu’ corna in testa di un cesto di lumache. Fara’ anche il ganzo, dicono. Perche’ la donna e’ un’arietta lieve, e porta bei profumi. Se rinasco, rinasco qui.

Categorie
Juanita de Paola

Lazy day

Su questa terrazza dove ormai girano star, amici di vecchia data, persone cui non frega nulla, ci tocca in sorte una giornata di brezza e sole. Brocche di vodka e succo di pompelmo, non per me, io bevo solo vino. E fumo solo sigarette a basso costo. Pensavo l’altro giorno che mantenermi e’ davvero poca cosa, se mai dovessi essere ammogliata e senza lavoro.
Consumo infatti un pacchetto di sigarette ogni due giorni, tre bicchieri di vino a sera e qualcosa da infilare nello stomaco. Meglio se frutta e verdura. Ho smesso di mangiare per il piacere, lo trovo offensivo, e una perdita di tempo. E I mangiari elaborati mi sanno di peccato, non lo so perche’, da un pò di tempo a qusta parte. Ma se la terra da’ pomodori invece che crostini col pate’ un motivo ci deve pur essere.
Qui, e’ tutto un odore. Mi fa venire in mente gli amori che non ho avuto. E che ora rimpiango piu’ di quelli che ho avuto. Ligia e (quasi) fedele per mille anni ho lasciato correre via qualcuno che adesso vorrei nei miei ricordi: a noi vecchi dentro, di natura, il tradimento ci fa fatica. Io agogno I sessantanni, e il piacere della mente su quello del corpo, così caduco comunque.
C’era Shumi ieri, era meno ubriaco del solito, é arrivato col suo pandino e partiva per Lanciole, a trovare la sua bimba. Finestrino spalancato, canne da pesca. Un uomo ricco, di vita. E affettuoso. Credo ci sia un paradiso speciale per quelli come lui. E la notte non dormite, per pensare all’indomani, come meglio poter fare, lo denare moltiplicare; e voi più non conoscete lo profumo delli fiori, la lucerna delle stelle, l’occhi vivi dei bambini, che vorrebbero sanare, le storture dello mondo. Già.
Categorie
Juanita de Paola

Piazza della sala, Giovedi’ sera, Pistoia.

Al Vecchia Praga di Pistoia si beve vino di qualita’ casalinga, ma si vede tutta la piazza. Una ragazza del gruppo dei tossicodipendenti gioca con la sua bimba e un pallone blu, fa fatica a seguire tutti e due, e scatto venti fotografie. Non mi ha dato il permesso di pubblicarle, peccato. In lontananza la Lisa fa l’aperitivo, e come un quadro che conosco me lo godo senza spennellare, la lascio li’ come un’immagine gioiosa senza chiamarla. Sarebbe bello avere tramonti con gli amici di sfondo, ma senza toccarli, parlare, li’, persone come in un quadro, e in piu’ senti pure che li’ cis tanno proprio bene, ti danno gioia. E’ stata una settimana lunga, di veleni e soddisfazioni, lavorare stanca disse Cesare Pavese prima di ammazzarsi. Vellano, il sole e la campagna mi hanno dato ristoro. Queste sono le mie sconcezze preferite

Categorie
Juanita de Paola

Come il maiale io sogno le ghiande.

Sogno distese di tempo libero in cui navigare come un’estetista nella piscina della Grotta Giusti. Sogno di scarpe con la suola comoda e una camerina al piano di sopra nella casa anni settanta dei genitori, sogno di intimità serena, e di autobus presi tutti i giorni alla stessa ora. Sogno quello da cui scappo da anni, sogno di non avere ispirazioni, sogno del coraggio di dirti che un pò mi fai pena. Non che io dica le bugie, non più come prima almeno, ma a vedere il bello mi viene naturale, liberatorio. E quindi ti lodo. Fatti lodare.

Sogno di diari con l’uniposca perchè non l’ho fatti al momento giusto e ora un pò mi manca, mi sa che ho fatto il blog perchè io avevo i diari brutti alle superiori, non come quelli della Chiara, grassi e pieni di frasi chissaddio prese dove, di gente interessante. All’epoca non riuscivo a scrivere la G. Quindi non tenevo un diario pubblico. Ci scrivevo, però, la dieta. E le cose da fare, che non erano mai compiti. Oggi ho un nuovo volumetto di Mandrafina, fumetto argentino. E’ calore. Altro che filosofia.

Categorie
Juanita de Paola

Ragazzi, bar, scena di esterno, tavolino accanto.

Valeva la pena di farsi lasciare cento volte per essere quello che ora non ha rimorsi, che mica ci pensa a come avrebbe potuto essere se. Ho fatto fare tutto a lei, piano piano: ho cominciato a farmi trovare come una ciabatta, stravaccato in posizione da gratto, sul divano, a fare i rutti, al tavolino. Anche di domenica. A guardarle tutte, poi alla fine ci ho preso gusto. E a uscire con i miei amici, che non avevo nemmeno voglia di vedere. E poi a non rispondere al telefono. E lei, povera creatura, sempre più affezionata, perchè le donne, fondamentalmente, amano il mal d’amore e chi lo pratica. E così, alla fine, stremata, dimagrita, arrabbiata, ha rotto tutto e mi ha lasciato. E io credo anche di avere pianto. (R.G.)

Categorie
Juanita de Paola

Tirati su Franceschino.

Ha perso il babbo, piccino, per colpa della velocità e di una moto, o una macchina, fatto sta che Franceschino ha il collo orizzontale, come se avesse portato una pietra dolorosa sopra, che gliel’ha piegato. Ha l’occhio azzurrino, opaco però. E le dita lunghe, e un pò di allergie attorno alla bocca come quando non puoi dire le cose che vorresti o come la cistite quando sei una donna che viene lasciata. L’ho registrato Franceschino, storge la mascella di lato, a stare troppo diritto gli pare di fare dispetto a qualcuno. E cammina, secco secco, come una foglia che stava su un ramo d’autunno. E il vento. Ma ora é estate Franceschino, tirati su, che poi la velocità ti piacerà anche a te, e le donne belle, e avere un pò di soldi nel portafogli, e fare l’amore la prima volta quando bisognerebbe che ci fossero le istruzioni. Vai sereno vai. E stai dritto, che mi sembri una gruccia.

Categorie
Juanita de Paola

Gòdere

  1. farsi esplodere un uovo alla coque in bocca e poi infilare un cucchiaino di pesto serrandola a “culo di gallina”
  2. fumare la sigaretta che mi ero nascosta in caso le finissi, perche’ l’ho ritrovata e avevo finito le sigarette da almeno due ore
  3. perdonare, sorridere, abbracciare, being “tactile”
  4. ripartire per un altro viaggio
  5. violare una casella di posta altrui
  6. fare funzionare qualcosa che non funzionava
  7. invitare amici
  8. dormire dalla parte dell’umido, cosi’ il sole arriva dopo
  9. potere ordinare “il solito” alla locanda
  10. ramino



Categorie
Juanita de Paola

137

Freccette.

Partecipanti:

  • Player One – Cow Boy dal nome impronunciabile
  • Player Two – Juanita
  • Player Three – Cow Boy dal nome impronunciabile

Risultati:

  • Player One – 143
  • Player Two – 137
  • Player Three – 7



Categorie
Juanita de Paola

Si riparte

Si riparte per il New Jersey, mi manca casa, mi manca la pappa senza creme, mi manca il sereno maledire la propria famiglia e agognare ritmi lontani, mi mancano le spianate e le colline, mi mancano gli amici e le cene in italiano, mi manca un po’ di tutto, anche se ora ho scavalcato la collina del viaggio, ora e’ quando si puo’ stare via per mesi, anni. Ieri sera al tavolino, si parlava del Guatemala. Straordinario, specialmente perche’ non ci sono mai stata. E della Cina. E della sicurezza nelle scuole superiori, e delle pistole.

Tutti hanno una pistola qui. E di una terra che e’ talmente grossa, tutta insieme, che l’unico collante che hanno e’ forse davvero il patriottismo. Lo dicono loro. Io non azzardo commenti, ora che ne ho vista un pochino, della Merica, so che ci vorrebbero altri cento viaggi per cominciare a capirne qualcosa. Vorrei vedere i parchi. E il west, la California. L’appuntamento e’ per settembre, con la traversata della Merica in treno. Mi aspetta un aereino piccino piccio’, e una serata toscana a New York. Non male. Io sono a Wooster.