Categorie
Juanita de Paola

Vivere contemporanei, Episodio Tre.

Sono occhi tristi tutto attorno, e sono tentata di alzarmi e dire ma sapete che c’è? Andatevene tutti. Poi non lo faccio, ci mancherebbe: non mi riesce. Rimango al supplizio.

Lo sforzo più grande è quello di fare stare i miei amici inglesi a loro agio. Sono sei, di cui tre gay, uno incerto (sconfinante) e due accoppiati così come si vuole colà dove si puote. La tensione al tavolo è palpabile e ho già tirato fuori tutti gli argomenti in cui faccio la figura della poveraccia e tutti ridono: questa volta nessuno si sganascia. Eppure da quando ho fatto arrivare per sbaglio ad un ebreo kosher un cesto di benvenuto pieno di salumi e vino sento di avere raggiunto nuove punte, nuovi acmi di inconsapevole comicità. Sono occhi tristi tutto attorno, e sono tentata di alzarmi e dire ma sapete che c’è? Andatevene tutti. Poi non lo faccio, ci mancherebbe: non mi riesce. Rimango al supplizio.

Continua qui.

Di juanita

50% business, 50% eggs benedict

Una risposta su “Vivere contemporanei, Episodio Tre.”

Hello there, just became aware of your blog through Google, and found that it is really informative.
I’m gonna watch out for brussels. I’ll appreciate if you
continue this in future. Numerous people will be benefited from your writing.

Cheers!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.